Cancro Orale

1301

Mouthwash use and cancer of the head and neck: a pooled analysis from the International Head and Neck Cancer Epidemiology Consortium

Boffetta P, Hayes RB, Sartori S, Lee YC, Muscat J, Olshan A, Winn DM, Castellsagué X, Zhang ZF, Morgenstern H, Chen C, Schwartz SM, Vaughan TL, Wunsch-Filho V, Purdue M, Koifman S, Curado MP, Vilensky M, Gillison M, Fernandez L, Menezes A, Daudt AW, Schantz S, Yu G, D’Souza G, Haddad RI, La Vecchia C, Hashibe M.
Eur J Cancer Prev 2016 Jul;25(4):344-8.

Gran parte dei collutori contiene alcol, una delle cause riconosciute del cancro della testa e del collo (inteso come cavità orale, faringe, laringe), probabilmente a causa dell’attività cancerogena dell’acetaldeide, che si forma nella cavità orale dall’alcol. È stata condotta un’analisi combinata di 8.981 casi di cancro alla testa e al collo e 10.900 controlli da 12 studi caso-controllo con informazioni analoghe sull’uso di collutori dell’International Head and Neck Cancer Epidemiology Consortium.
Sono state utilizzate regressioni logistiche per valutare l’associazione dell’uso di collutori con il cancro della cavità orale, dell’orofaringe, dell’ipofaringe e della laringe, con adeguamenti in base allo studio, età, sesso, quantità di sigarette-anni di tabagismo, numero di drink alcolici al giorno e istruzione. Sulla base di 12 studi, al confronto con gli utenti che non hanno mai utilizzato collutori, l’odds ratio (OR) di tutti i tumori testa-collo era di 1.01 (95% intervallo di confidenza, CI: 1,00-1,23) per gli utilizzatori abituali. Gli OR corrispondenti dei tumori orali dell’orofaringe erano rispettivamente 1,11 (95% CI: 1,00-1,23) e 1,28 (95% CI: 1,06-1,56). Sulla base di 7 studi, l’OR di tutti i tumori testa-collo era di 1,15 (95% CI: 1,01 – 1,30) per un utilizzo superiore a 35 anni (P per una tendenza lineare= 0,01) e sulla base di 5 studi l’OR era 1,31 (95% CI 1,09 -1,58) per un utilizzo di più di una volta al giorno (P per una tendenza lineare <0.001). Sebbene limitati dalla natura retrospettiva dello studio e dall’impossibilità di valutare i rischi dell’utilizzo di collutori nei pazienti che non facevano uso di tabacco e alcol, questa larga indagine dimostra potenziali rischi di cancro per siti secondari di testa e collo per i fruitori frequenti di collutori nel lungo termine. Questa analisi combinata permette una valutazione più precisa dell’associazione tra l’utilizzo di collutori e il cancro testa-collo.


Mouthwash use and associated head and neck cancer risk

Wilson G, Conway DI
Evid Based Dent 2016 Mar;17(1):8-9.

Fonte dei dati: Tutti gli studi con questionari con voci riguardanti l’uso di collutori nell’International Head and Neck Cancer Epidemiology Consortium (INHANCE).
Estrapolazione e sintesi dei dati: analisi combinata dei dati di studi caso controllo utilizzando Individual Patient Data (IPD) con metodi meta-analitici. Regressioni logistiche sono state usate per valutare l’associazione dell’utilizzo di collutori e il tumore della cavità orale, dell’orofaringe, dell’ipofaringe e della laringe, conciliando per lo studio età, sesso, quantità-anni di sigarette fumate, numero di drink alcolici per giorno e istruzione.
Risultati Nell’analisi sono stati inseriti 8.980 casi di cancro testa e collo e 10.900 controlli sulla base di 12 studi caso-controllo con informazioni analoghe sull’utilizzo di collutori. Sempre in base a su 12 studi, rispetto ai pazienti che non hanno mai utilizzato collutorio, l’odds ratio (OR) di tutti i tumori testa-collo era di 1.01 [95% intervallo di confidenza (CI): 0.94-1.08] negli utilizzatori. I corrispondenti ORs del cancro della cavità orale e dell’orofaringe erano rispettivamente di 1.11 (95% CI: 1.00-1.23) e 1.28 (95% CI: 1.06-1.56).
Conclusioni Sebbene limitati dalla natura retrospettiva dello studio e dall’impossibilità di valutare i rischi dell’utilizzo di collutorio in non consumatori di tabacco e alcol, questa larga indagine dimostra i potenziali rischi di cancro per siti secondari di testa e collo per utenti frequenti di collutori a lungo termine.


Salute orale, cura dentale e associazione dei collutori con il rischio di cancro nel tratto aerodigestivo superiore in Europa: lo studio ARCAGE

Ahrens W, Pohlabeln H, Foraita R, Nelis M, Lagiou P, Lagiou A, Bouchardy C, Slamova A, Schejbalova M, Merletti F, Richiardi L, Kjaerheim K, Agudo A, Castellsague X, Macfarlane TV, Macfarlane GJ, Lee YC, Talamini R, Barzan L, Canova C, Simonato L, Thomson P, McKinney PA, McMahon AD, Znaor A, Healy CM, McCartan BE, Metspalu A, Marron M, Hashibe M, Conway DI, Brennan P
Oral Oncol 2014 Jun;50(6):616-25.

Obiettivo Il nostro obiettivo era quello di stabilire la connessione tra igiene orale (OH), cura dentale (DC) e collutorio e i rischi di cancro al tratto aerodigestivo superiore (UADT), e di esaminare in quale misura gli enzimi coinvolti nella metabolizzazione dell’alcol modificano l’effetto del collutorio.
Materiali e metodi Nello studio sono stati coinvolti 1.963 pazienti affetti da cancro della cavità orale, dell’orofaringe, dell’ipofaringe, della laringe e dell’esofago e 1.993 controlli. I pazienti sono stati interrogati riguardo le loro abitudini di igiene orale e cura dentale (dati che sono stati convertiti rispettivamente in valori di OH e DC), così come tabagismo, consumo di alcol, dieta, occupazione, condizioni mediche e stato socio-economico. Sono stati prelevati campioni di sangue per analisi genetiche. L’uso di collutori è stato analizzato in relazione alla presenza del polimorfismo del metabolizzatore di alcool, gene conosciuto per l’associazione con UADT. L’odds ratio ponderato (OR) e l’intervallo di confidenza (CI) al 95% sono stati stimati con modelli multipli di regressione logistica ponderata per multipli fattori confondenti.
Risultati Una volta ponderati i valori OR di punteggi alti e bassi di DC e OH erano rispettivamente 2.36 [CI= 1.51-3.67] e 2.22 [CI= 1.45-3.41] per tutti i siti UADT combinati. L’OR per un utilizzo frequente di collutori (3 o più volte al giorno) era di 3.23 [CI= 1.68-6.19]. L’OR per la rara variante ADH7 (codifica per un veloce metabolismo dell’etanolo) era più bassa negli utilizzatori di collutori (OR=0.53[CI= 0.35-0.81]) rispetto ai non utilizzatori (OR=0.97[CI=0.73-1.29]), indicando un modifica dell’effetto (eterogeneità=0.065), mentre non sono state osservate differenze rilevanti tra utilizzatori e non utilizzatori per le varianti di alleli di ADH1B, ADH1C o ALDH2.
Conclusioni Una scarsa OH e DC sembrano essere fattori di rischio indipendenti per il cancro UADT perché le valutazioni dei rischi corrispondenti rimangono sostanzialmente elevati dopo dettagliate ponderazioni di multipli fattori confondenti. Rimane completamente da chiarire se l’uso di collutori può comportare qualche rischio a causa del contenuto di alcol nella maggior parte delle formulazioni disponibili sul mercato.


Periodontal disease and mouthwash use are risk factors for head and neck squamous cell carcinoma

Eliot MN, Michaud DS, Langevin SM, McClean MD, Kelsey KT
Cancer Causes Control 2013 Jul;24(7):1315-22.

Scopo Lo scopo di questo studio è di esaminare l’associazione tra l’igiene orale, compresi malattia parodontale preghressa e uso di collutori, e il rischio di carcinoma a cellule squamose della testa e del collo (HNSCC)
Metodi Abbiamo misurato la storia di igiene orale e di cura dentale su 513 casi HNSCC e 567 controlli provenienti da uno studio basato sulla popolazione HNSCC. Sono state usate regressioni logistiche per stimare l’odds ratio (ORs) e un intervallo di confidenza del 95% (95% CI).
Risultati La malattia parodontale è stata associata a un rischio leggermente elevato di HNSCC (OR= 1,09; 95% CI: 1,02; 1,16). L’utilizzo di un collutorio di qualsiasi tipo almeno una volta al giorno è stato associato a un rischio aumentato rispetto a chi non aveva mai utilizzato collutori (OR = 1,11; 95% CI: 1,0; 1,20). L’HNSCC è stato associato all’utilizzo frequente di collutorio non alcolico rispetto a chi non utilizzava mai o raramente collutori di qualsiasi tipo (OR= 1,24; 95% CI: 1,05; 1,47).
Conclusioni I risultati supportano un’associazione tra la malattia parodontale e HNSCC. I dati suggeriscono che l’uso del collutorio è associato all’HNSCC, ma non abbiamo notato differenze di effetti tra collutori contenenti o privi di alcol.


Alcohol-containing mouth wash and oral cancer risk: a review of current evidence

Currie S, Farah C
OA Alcohol 2014 Feb 10;2(1):4.

Introduzione L’esistenza o mancanza di una corrispondenza tra l’utilizzo di collutori contenti alcol e lo sviluppo di carcinoma orale a cellule squamose rimane un problema significativamente controverso nella comunità scientifica. Le pubblicazioni della letteratura in merito comprendono sia studi epidemiologici che valutano tali associazioni a livello della popolazione sia studi meccanicistici che investigano gli effetti locali di collutori contenenti alcol sia in vitro che in vivo, così come revisioni volte a valutare, confrontare e sintetizzare tali risultati. Nonostante vi sia un’ampia base di evidenze, non c’è un chiaro consenso accademico relativamente alle associazioni tra collutori contenti alcol e carcinoma a cellule squamose del cavo orale. Scopo della revisione è presentare e valutare le prove a favore e contro eventuali associazioni.
Conclusione Sebbene vi sia una mancanza di prove consistenti, è auspicabile che i clinici promuovano l’utilizzo di collutori privi di alcol, in modo da minimizzare il potenziale aumento del rischio e scoraggiare l’utilizzo a lungo termine di prodotti contenti elevate quantità di alcol.


Alcohol-containing mouthwash and oral cancer risk: a systematic review

Shibu TM
Int J Dental Medical Specialty 2015; 2 (3): 21-8.

Scopo Lo scopo di questo articolo è di valutare ogni possibile rischio di cancro orale con un aumentato utilizzo di collutori contenti alcol e di fornire informazioni pertinenti riguardanti la sicurezza dell’utilizzo di collutori contenenti alcol.
Materiali e metodi Sono stati visti e analizzati diversi studi controversi sull’uso prolungato di collutori contenti quantità di alcol maggiori del 25% come causa del cancro orale.
L’analisi degli studi fatti finora ha evidenziato una visione dibattuta sull’utilizzo dei collutori contenti alcol e la loro relazione eziologica con il cancro orale. Molti studi supportano la tesi che l’uso di collutori contenti alcol possa causare il cancro orale, mentre pochi studi mostrano relazioni non significative tra il cancro orale e l’utilizzo di collutori.
Conclusioni Per concludere, la relazione tra collutori contenti alcol e il cancro orale è ancora una questione controversa per la comunità scientifica. Dal confronto delle revisioni disponibili, si è evidenziato che un uso prolungato di collutori contenti alcol può causare il cancro orale. Pertanto, è consigliabile per i clinici istruire i pazienti relativamente agli effetti negativi di un utilizzo a lungo termine di collutori contenti alcol e di ridurre la frequenza quotidiana di utilizzo, nonché di preferire collutori non contenenti alcol.