Il sondaggio parodontale

330
sondaggio parodontale

È risaputo che la malattia parodontale ha una elevata diffusione, fino addirittura a colpire, nelle sue varie forme, la totalità della popolazione mondiale (American Academy of Periodontology, 2014) e nel nostro Paese ne sarebbe in qualche modo affetta oltre la metà dei soggetti adulti (Ministero della Salute, 2015); il sondaggio parodontale è una procedura clinica fondamentale.

E proprio per questi motivi la figura dell’igienista dentale riveste un ruolo importante nella prevenzione, nel controllo e nel trattamento di tale patologia.

In tal senso il sondaggio parodontale è una procedura clinica fondamentale, in quanto permette all’operatore di rilevare la profondità di sondaggio, ovvero la distanza dal margine gengivale al fondo del solco o della tasca.

È questo parametro, infatti, che fornisce informazioni sulla presenza o meno di infiammazione a livello dei tessuti molli e, in definitiva, intercettarne lo stato di salute o malattia.

Si tratta di una procedura delicata, in cui accuratezza e precisione devono essere coniugate a semplicità e lestezza, soprattutto per evitare disagi al paziente, ma anche per mantenere un equilibrato rapporto costo-efficacia.

A tal fine è possibile scaricare l’eBook sul Sondaggio parodontale, nel quale sono sintetizzati alcuni consigli pratici tratti dal corso “Aggiornamenti di prevenzione clinica e terapia nella pratica clinica dell’igienista dentale”.