ANDI contro la violenza: un gesto concreto

142

A fianco delle tante iniziative svolte da ANDI a favore della professione odontoiatrica vi è anche la significativa attività meritoria condotta da Fondazione ANDI Onlus, nata nel 2005 allo scopo di promuovere un modello di odontoiatria che non riguardi solo la salute, ma anche il sostegno, l’educazione e l’informazione alla cittadinanza. E proprio in tale ambito rientra una importante collaborazione con Fondazione Doppia Difesa Onlus, anch’essa una organizzazione non lucrativa di utilità sociale le cui attività istituzionali sono la sensibilizzazione dell’opinione pubblica e il sostegno e la tutela delle donne vittime di violenze, discriminazioni e abusi, in particolare offrendo loro consulenza e assistenza legale e psicologica.

In forza di questa collaborazione ANDI e DD svolgono, nei rispettivi ambiti di competenza, attività di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di formazione degli odontoiatri e operatori sanitari nell’intento di favorire sia l’identificazione dei segni della violenza sia di offrire aiuto alle vittime.

Tra le iniziative compiute concretamente in tal senso vi sono la realizzazione dell’opuscolo informativo “La violenza sulle donne”, in distribuzione ai soci ANDI, concepito nella consapevolezza che per combattere la violenza bisogna agire anche sul terreno dell’educazione e del rinnovamento culturale. È, infatti, fondamentale far comprendere, soprattutto ai più giovani, che la violenza rappresenta una grave violazione di diritti umani quali libertà, dignità, integrità fisica e psichica e che l’escalation dei comportamenti aggressivi non è mai prevedibile e può avere esiti tragici. ANDI e DD hanno inoltre elaborato un protocollo d’intesa nell’ambito del progetto “Dentista sentinella contro la violenza di genere”, il cui scopo è duplice: da una parte creare reti di informazione e relazione a sostegno delle persone che cercano di uscire dalla violenza e dall’altra realizzare interventi mirati per aiutare le donne ad acquisire consapevolezza del loro status di vittime.

In tale ambito l’odontoiatra svolge un ruolo fondamentale, essendo spesso la prima figura sanitaria in grado di rilevare i segni della violenza su queste pazienti che, generalmente, tendono a nascondere le lesioni. È bene sottolineare, infatti, che tante vittime non sono consapevoli di esserlo e comunque in molti casi non chiedono aiuto, ma si lasciano cadere nel circolo vizioso di subire-nascondere-perdonare-subire ancora: per questo è importante infondere loro coraggio, affinché riescano a rompere il muro del silenzio e uscire dalla spirale della violenza.

Info

ANDI
www.andi.it

Fondazione Doppia Difesa Onlus
www.doppiadifesa.it